Sentenza del 6/06/2018 n. 54/2 - Comm. Trib. di Secondo Grado di Bolzano

La remunerazione delle azioni privilegiate ha natura di dividendo.

La remunerazione delle azioni privilegiate ha natura di dividendo ai sensi dell’art. 44 comma 2 lettera a) del Tuir. La CTR tirolese ha respinto l’appello dell’Ufficio secondo il quale le remunerazioni al 7,60% sulle azioni privilegiate emesse dalla società estera e percepiti dalla società italiana non avevano natura di dividendi ma di interessi. Secondo l’Ufficio, infatti, l’unico parametro per la remunerazione delle azioni privilegiate era costituito dal tasso del 7,60% applicato al valore delle singole azioni, e che le remunerazioni maturavano indipendentemente dall’esito dei singoli esercizi finanziari. Di diverso avviso la CTR secondo la quale le remunerazioni sono, invece, state corrisposte solo negli anni 2009 e 2010 quando gli utili realizzati lo permettevano. Nel caso di specie, infatti, tale modus operandi era pienamente in linea con quanto stabilito dal Memorandum of Association della società inglese che prevedeva espressamente che alle azioni privilegiate spettasse una remunerazione solamente a condizione che fossero disponibili in misura capiente utili effettivamente realizzati e liberamente distribuibili.

Testo integrale della sentenza