Sentenza del 2/07/2019 n. 655/7 - Comm. Trib. Reg. per l'Abruzzo

Notifiche attraverso posta privata

La sentenza della CTR abruzzese illustra le diverse tipologie di trattamento riservate alle notifiche effettuate a mezzo delle società di posta privata, a seconda del destinatario. Il primo caso riguarda gli invii raccomandati relativi alle procedure amministrative e giudiziarie le cui notifiche a mezzo posta sono regolate dal D.Lgs. 22 luglio 1999, n. 261. Quest’ultimo ha, infatti, inteso riferirsi, in via esclusiva, all’Ente Poste per l’esecuzione delle notificazioni di ricorso attraverso “raccomandata con avviso di ricevimento” (Cass. sent. n. 2922/2015). Il secondo caso è, invece, rappresentato dalle notifiche effettuate nei confronti del Ministero delle Finanze o ente locale. Nella fattispecie, spiegano i giudici, la notifica a mezzo posta privata è equiparabile alla consegna diretta, poiché per gli enti sopra citati è prevista la possibilità di consegna diretta dell’atto all’impiegato addetto che ne rilascia ricevuta sulla copia.

Testo integrale della sentenza