Sentenza del 8/05/2018 n. 4332/23 - Comm. Trib. Reg. per la Campania

L’indicazione della PEC nel ricorso equivale a elezione di domicilio digitale

L’indicazione dell’indirizzo di posta elettronica certificata nel ricorso introduttivo costituisce elezione di domicilio digitale ai fini delle comunicazioni e notificazioni telematiche. La CTR di Napoli, citando l’articolo 6 del D.M. 23/12/2013 n. 163, ha rigettato la tesi dell’appellato secondo cui occorrerebbe una specifica elezione di domicilio digitale per abilitare la controparte ad avvalersi della facoltà di utilizzare la notifica telematica. Nella stessa sentenza i giudici partenopei precisano anche, in risposta ad altro motivo proposto dall’appellato, che l’introduzione del ricorso di primo grado in forma cartacea non vincola all’utilizzo della stessa modalità anche in appello (art. 2 comma 3 del D.M. 23/12/2013 n. 163).

Testo integrale della sentenza