Sentenza del 6/02/2020 n. 96/1 - Comm. Trib. Reg. per il Molise

IMU e TASI: rileva l’inizio del procedimento di trasformazione urbanistica

“L’edificabilità di un’area, ai fini dell’applicabilità del criterio di determinazione della base imponibile fondato sul valore venale, deve essere desunta dalla qualificazione ad essa attribuita nel piano regolatore generale adottato dal Comune, indipendentemente dall’approvazione dello stesso da parte della Regione e dall’adozione di strumenti urbanistici attuativi. L’inizio del procedimento di trasformazione urbanistica è sufficiente a far lievitare il valore venale dell’immobile”. In base a tale principio, enunciato dalle sezioni unite della Corte di cassazione con la sentenza n. 25506/2016, la CTR molisana si è allineata alla decisione dei giudici di primo grado ed ha respinto l’appello dei contribuenti. Nel caso di specie questi ultimi avevano invocato la vocazione rurale dei terreni, giustificata dalla circostanza che gli stessi fossero sempre stati condotti da affittuari coltivatori. Gli stessi avevano quindi unilateralmente deciso di mantenere i livelli impositivi al valore venale dei terreni prescindendo dal valore determinato con delibera della giunta comunale della quale avevano chiesto la disapplicazione.

Testo integrale della sentenza