Competenza

La competenza territoriale delle Commissioni Tributarie è stabilita dall'art. 4, D.lgs. n° 546/92 , riformato ad opera dell’art. 9, comma 1, lett. b, del D.lgs. n° 156/2015, a seguito della sentenza n° 44/2016 (GU n° 10 del 9/3/2016), con cui la Corte Costituzionale ha dichiarato l’illegittimità della precedente formulazione del comma 1. Ai fini dell’individuazione della Commissione Tributaria competente, la pronuncia ha stabilito che, per le controversie promosse nei confronti dei concessionari del servizio di riscossione e dei soggetti iscritti all’albo di cui all’art. 53 del D.lgs. n° 446/97, rileva non la sede di questi ma, rispettivamente, la sede dell’ente locale concedente e dell’ente locale impositore,

Attualmente dunque la competenza per territorio è così individuata:  

  1. per le controversie proposte nei confronti degli enti impositori, degli agenti della riscossione e dei soggetti iscritti all’albo di cui all’art. 53 del D.lgs. n° 446/97, sono competenti le Commissioni Tributarie nella cui circoscrizione i primi hanno la sede;
  2. per le controversie proposte nei confronti di articolazioni dell’Agenzia delle Entrate, con competenza su tutto o parte del territorio nazionale, sono competenti le Commissioni tributarie nella cui circoscrizione hanno sede, non le articolazione medesime, ma l’ufficio al quale spettano le attribuzioni sul rapporto controverso.

I procedimenti giurisdizionali pendenti al 31 dicembre 2014 dinanzi alla cessata Commissione Tributaria Centrale,  proseguono dinanzi alla Commissione Tributaria Regionale del Lazio (art. 12 delle disp. trans. del D.lgs. n° 156/2015).